METAMORFOSI DI UN LUOGO Curinga e il suo aspetto archeologico storico-culturale. - Terme Romane di Curinga
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie
In Primo Piano >> METAMORFOSI DI UN LUOGO Curinga e il suo aspetto archeologico storico-culturale.
Da Lunedì 5 a mercoledì 7 Giugno 2017, l’ACCADEMIA DI BELLE ARTI (Scuola di Scenografia) di Catanzaro è si è resa promotrice dello studio-progetto dal titolo:
METAMORFOSI DI UN LUOGO
Curinga e il suo aspetto archeologico storico-culturale.
 
Hanno preso parte al progetto i docenti dell’Accademia di Belle Arti di CZ,  Claudio Cosentino,  Giovanni Raja, Giuseppe Funaro, Angela Fidone.
Hanno dato il patrocinio all’iniziativa oltre che sono stati promotori loro stessi e sostenitori: AVVENTURE TRA DUE MARI SRLS (presidente  Rosa Furciniti, tutor arch. Maria Concetta SGROMO), l'ORDINE degli ARCHITETTI  PPC di Catanzaro (presidente arch. Giuseppe Macrì), la Fondazione Architetti di Catanzaro, FOAC,   (presidente Giuseppe Antonio Zizzi),   l’associazione INARSVILUPPO centro studi per lo sviluppo delle professioni (presidente arch. Antonino Renda), l’associazione DRON-E (presidente Antonio Mazza, il Comune di Curinga.
Hanno dato il patrocinio: il MIBACT, il collegio dei Geometri e dei Geometri laureati di CZ, il collegio dei periti industriali e periti industriali laureati di CZ.
Obiettivo è  la conoscenza e la riqualificazione del  territorio del Comune di Curinga.
Il progetto, ha visto come gruppo di lavoro,  gli studenti dell'Accademia di Belle Arti di CZ: Ilaria CASCARDO, Gregorio MERCURIO, Giorgia ROSI, Laura VIOLA, Alessia MINNITI, Marco RONDA e  il prof. Cosentino Claudio coadiuvato da  Paolo DANIELE, Vitaliano GALLO e Emanuela ITALIA 
Ha partecipato in rappresentanza dell’Ordine degli Architetti e dei giovani architetti, l’architetto Angela Funaro.
Hanno curato l’organizzazione e la logistica: l’arch. Giuseppe FUNARO, l’arch. Angela FUNARO, l’arch. Maria Concetta SGROMO, il prof. Claudio COSENTINO.  
L’amministrazione comunale, riconoscendo in questa iniziativa l’occasione per approfondire la conoscenza del territorio,  ha accolto ed ospitato con  vitto e alloggio tutti i partecipanti.
Nei giorni di permanenza sono stati effettuati una serie di sopralluoghi studio e rilievi dei siti archeologici ed ambientali presenti sul territorio del suddetto comune.
Sono state utilizzate tecnologie digitali all'avanguardia, quali “uso dei droni per la fotogrammetria e stampa 3d,” che consentono di restituire tutte le informazioni necessarie alla catalogazione e  allo studio approfondito dello stato di fatto delle aree archeologiche dei siti tipici del luogo. Sviluppando quanto si è rilevato, utilizzando le aule di lavoro messe a disposizione da AVVENTURE TRA DUE MARI, con l’assistenza dell’arch. Maria Concetta SGROMO,  si è creato un video di alta qualità professionale, promozionale-turistico, che è stato donato al comune, ma ancora più importante è stato realizzato un  ortomosaico preciso a misura, ed un modello 3d tramite nuvola di punti con dei software adeguati, del complesso delle TERME ROMANE e del rudere di Sant’Elia vecchio.
Sulla base di quanto rilevato si potrà  ipotizzare una possibile ricostruzione virtuale di come il sito si presentava all'origine.
Può completare la visione conoscitiva del luogo uno studio antropologico e dei costumi, con l'obiettivo di ricostruire un'unione tra passato e presente.
Sono stati effettuati anche  delle video riprese di tutte le fasi del  backstage per produrre un documentario didattico, e un video promozionale.
Lo studio-ricerca prodotto sarà utilizzato per una pubblicazione, la cui spesa viene coperta dal comune di Curinga.

 
 
L’ultima giornata, il 7 Giugno, ha visto il seminario conclusivo, tenutosi in Curinga stessa,  nelle sale del palazzo BEVILCQUA, che ha entusiasmato i presenti considerato l’ampio dibattito che ne è scaturito durante e a fine seminario.
Ha aperto i lavori del seminario l’arch. Giuseppe FUNARO
Ha introdotto e salutato la direttrice dell’Accademia di Belle Artci di CZ arch. Prof.ssa Anna RUSSO
Ha salutato in qualità di padrone di casa e dato il benvenuto, il vicesindaco dott.ssa Patrizia MAIELLO, trasferendo  ai presenti i saluti del sindaco Ing.  Domenico Maria PALLARIA
Ha salutato quale RUP - uffcio tecnico di Curinga, l’arch. Nicola VASTA
Hanno illustrato il lavoro:
  • Prof. Claudio COSENTINO, Docente di Scenografia multimediale, tecniche  della modellazione 3D, rendering
  • Geom.  Vitaliano GALLO, tecnico stampa 3D - Esaminatore e Formatore AICA - ECDL CAD 2D/3D
  • Paolo DANIELE e  E. ITALIA, assist. fotogrammetria disegnatore cad
Hanno preso parte al seminario i seguenti relatori:
  • Arch. Maria Concetta SGROMO, Architetto. Ha relazionato sulle qualità del centro storico di Curinga e sugli scenari futuri supportata dalla proiezione del video prodotto dal gruppo di lavoro
  • Prof.ssa Stefania MANCUSO, Docente di Archeologia classica e didattica del parco e del museo Università della Calabria. Ha intrattenuto i presenti sul tema: i  segni della storia: conoscere per valorizzare
  • Dott.ssa  Mariangela PRETA,  Archeologa. Ha esposto la cronistoria del cantiere delle Terme romane e ha anticipato le future “campagne” di scavo da effettuare
  • Dott. Antonio  GARCEA, Ispettore archivistico onorario – MIBACT. Ha magistralmente relazionato su: i bevi culturali e la loro valorizzazione
  • Prof.ssa Angela FIDONE, Docente   Accademia  Belle  Arti di Catanzaro. Ha relazionato sul possibile intervento di ricostruzione virtuale delle Terme e di quanto sarà ancora scoperto, con inserimento anche dei potenziali personaggi
Hanno portato la loro testimonianza:
Ing. Luigi Ottavio MANCUSO, Progettista e resp.le  sicurezza cantiere Terme Romane di Curinga. Ha sottolineato l’importanza dell’uso della tecnologia del DRONE, quale ausilio alla progettazione
Terme di Curinga